Vantaggi Fiscali

I FONDI PENSIONE BENEFICIANO DI UN TRATTAMENTO FISCALE DI FAVORE, SIA DURANTE IL PERIODO DI VERSAMENTO DEI CONTRIBUTI, SIA QUANDO SI PERCEPISCE LA RENDITA VITALIZIA. PRIMA SI INIZIA AD ACCUMULARE E MAGGIORI SONO I VANTAGGI



ADERENDO ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PUOI BENEFICIARE DI UNA TASSAZIONE FAVOREVOLE:

  • contribuzione: puoi dedurre dal tuo reddito complessivo i contributi che hai versato, fino al limite di 5.164,57 euro all’anno.
    Tale importo comprende l’eventuale contributo del tuo datore di lavoro e i versamenti che puoi aver effettuato a favore dei soggetti fiscalmente a carico per l’importo da questi non dedotto, nonché i contributi versati per reintegrare eventuali anticipazioni già ottenute. È esclusa dalla deduzione la quota del TFR in quanto non rientra nel reddito imponibile;
  • rendimenti realizzati dalla forma pensionistica complementare: sono tassati fino a un massimo del 20% (rispetto al 26% che si applica alla maggior parte delle forme di risparmio finanziario). La tassazione può essere inferiore qualora gli investimenti della forma pensionistica complementare siano effettuati in titoli di Stato e altri titoli equiparati, i cui rendimenti sono tassati con un’aliquota agevolata del 12,50%;
  • pagamento della pensione complementare o del capitale: la tassazione è molto favorevole. Quanto deriva dai versamenti effettuati è assoggettato a una ritenuta agevolata del 15%. Tale percentuale si riduce in funzione dell’anzianità di partecipazione al sistema di previdenza complementare; se questa è superiore a 15 anni, l’aliquota diminuisce dello 0,30% per ogni anno di successiva partecipazione fino al limite massimo di riduzione pari a 6 punti percentuali. Con almeno 35 anni di contribuzione, quindi, l’imposta scende al 9%. È tassata solo la parte relativa ai contributi dedotti durante il periodo di partecipazione al fondo pensione e alle quote di TFR versato;
  • anticipazioni: le anticipazioni per spese sanitarie sono tassate con un’aliquota agevolata che varia tra il 15% e il 9%, in base al numero di anni di partecipazione alla previdenza complementare. A tutte le altre tipologie di anticipazione viene applicata, invece, l’aliquota ordinaria del 23%;
  • riscatti: i riscatti della posizione individuale a seguito di cessazione dell’attività lavorativa sono tassati con l’aliquota del 23%. Nei casi di riscatto per inoccupazione di durata non inferiore a 12mesi, mobilità, cassa integrazione guadagni ordinaria/straordinaria e invalidità, si applica un’aliquota agevolata che varia tra il 15% e il 9%, in base al numero di anni di partecipazione alla previdenza complementare.

Fissa un appuntamento con un nostro consulente, il nostro Ufficio Private è a disposizione. Oppure rivolgiti direttamente in filiale.

private@banca8833.bcc.it – previdenza@banca8833.bcc.it – 011/97300

 

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale riguardante forme pensionistiche complementari. Prima dell’adesione leggere la nota Informativa, il Regolamento e la Scheda Costi , disponibili presso le Filiali della Bcc e sul/i sito/i internet del/i soggetto/i istitutore/i”.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni economiche e contrattuali dei prodotti presentati fare riferimento ai Fogli Informativi disponibili sul sito e presso le filiali della Banca.