BENESSERE, SALUTE E PRESTAZIONE NELLO SPORT

L’EVENTO DELLA BANCA E DELLA SOCIETA’ CANOTTIERI ESPERIA TORINO



Sana alimentazione e allenamento costante, due elementi cardine su cui costruire prestazioni agonistiche di alto livello. Senza dimenticare che mangiare correttamente e fare attività fisica sono anche i pilastri su cui chiunque può fondare il proprio stile di vita per restare in forma. E’ questo, in estrema sintesi, il messaggio emerso dall’incontro «Benessere, salute e prestazione nello sport» organizzato il 24 settembre scorso dalla Bcc di Casalgrasso e Sant’Albano Stura e dalla Società canottieri Esperia di Torino. Protagonisti dell’evento la dottoressa Emanuela Russo, dietista e nutrizionista, e il dottor Marco Ribezzo, cardiochirurgo e cardiologo del centro medico Cidimu di Torino. A far da padrone di casa l’avvocato Luca Calabrò, presidente della società Esperia che ha aperto la sua sede agli appassionati di sport, a quanti abbiano voluto approfittare dell’occasione per capire come migliorare i loro risultati o, più semplicemente, la loro qualità di vita attraverso l’attività fisica e l’attenzione a tavola. Temi sui quali gli esperti presenti hanno discusso e offerto approfondimenti, con numerosi interventi moderati dalla giornalista Elena Del Santo. Lorenzo Galano e Neri Muccini, atleti tra i più medagliati della Società canottieri, hanno portato la loro esperienza, confermando come, anche per le prestazioni agonistiche, lo studio di un corretto apporto nutrizionale abbinato all’allenamento programmato sia fondamentale per raggiungere performance di alto livello.

Allo stesso modo, perché una società sportiva possa radicare la sua presenza e portare avanti la sua missione a favore di dilettanti e agonisti, è importante un supporto concreto. Quello che, come ricordato dai vicedirettori Luca Murazzano e Giuseppe Bernardi, la Bcc di Casalgrasso e Sant’Albano Stura da sempre assicura alle associazioni, alle famiglie, alle aziende. Anche a Torino, dove è presente con quattro filiali: in piazza Gran Madre, in corso Orbassano, corso Matteotti e, da oltre vent’anni, in corso Vittorio.