Assemblea 2017

APPROVATO IL BILANCIO 2016 E CONFERMATA L'INTENZIONE DI ADESIONE AL GRUPPO CASSA CENTRALE BANCA



Oltre un migliaio di soci ha partecipato il 5 maggio all’assemblea della Bcc di Casalgrasso e Sant’Albano Stura che, convocata presso il ristorante Lago dei Salici di Caramagna Piemonte, ha approvato il bilancio 2016. L’esercizio si è chiuso con un utile di 3,6 milioni di euro che ha permesso l’ulteriore consolidamento del patrimonio della banca, salito a 60 milioni di euro.

L’aumento generale degli impieghi (oltre 474 milioni di euro, +4,11% rispetto al 2015), ha visto crescere soprattutto mutui e prestiti destinati a famiglie e imprese, che sono aumentati del 5,27%. Inoltre, la Bcc ha ampliato l’azione diretta di sostegno ad associazioni, enti, cooperative, pro loco erogando contributi per 315 mila euro, il 9,5% in più di quanto fatto nell’esercizio precedente.

«Particolare attenzione è stata rivolta ai bambini e al mondo della scuola – ha detto il presidente Alberto Osenda -. Lo scorso anno abbiamo donato duemila diari agli alunni delle scuole primare del territorio di competenza. Inoltre, a Natale abbiamo elargito contributi a favore di 31 asili del territorio finalizzati all’acquisto di materiale didattico, impegnando per quest’obiettivo il budget tradizionalmente utilizzato per regalare i panettoni ai soci». Anche il «Salvadanaio dei sogni», il concorso rivolto alle scuole dell’infanzia e primarie delle province di Torino e Cuneo, ha riscosso notevole successo, con l’adesione di 140 classi per oltre 4.000 bambini.

«Oltre al radicamento sul territorio, punto di forza della nostra banca è la qualità del credito perché, a un basso indice di crediti deteriorati, corrisponde un elevato tasso di copertura degli stessi  – ha sottolineato il direttore generale Claudio Porello -. Ciò conferma la solidità del nostro istituto: il Cet1 della nostra Bcc è pari al 16,77%, mentre quello medio del sistema bancario Piemonte-Valle d’Aosta arriva al 13%. Inoltre l’aumento del patrimonio e l’utile contabilizzato rappresentano un risultato più che buono nel contesto economico attuale e confermano la corretta gestione delle risorse che lo stesso territorio ci ha affidato». Non a caso, come già successo nel 2015, anche nel 2016 la classifica di Banca Finanzia ha posto la Bcc di Casalgrasso e Sant’Albano Stura al primo posto in Piemonte (e al nono in Italia) per solidità tra i piccoli istituti di credito.

Tra le altre cifre significative del bilancio approvato ieri, anche l’aumento della raccolta diretta che, nel 2016, è arrivata a 630 milioni di euro, con un incremento del 5,06% sull’anno precedente, e la crescita del risparmio gestito, con un +5,91% rispetto al 2015.

I soci hanno approvato anche l’adesione della Bcc di Casalgrasso e Sant’Albano a Cassa Centrale Banca, una delle due capogruppo cui dovranno fare riferimento i singoli crediti cooperativi in virtù della riforma dell’intero settore. «Ogni Bcc aderente acquisterà azioni della cassa trentina, compatibilmente con la propria dimensione patrimoniale e diventerà, quindi, proprietaria di una parte della stessa capogruppo – ha spiegato il presidente Osenda -. È come se unissimo in un salvadanaio unico i nostri patrimoni, costituendone uno più grande che garantirà maggiore solidità a tutte le banche aderenti e maggiori possibilità di sviluppo, oltre a rappresentare una specie di paracadute per soci e clienti di quella Bcc che avesse problemi».

Articoli La Stampa 05 e 06 maggio

La Stampa Cn_05 maggio 2017

La Stampa Cn 06 maggio 2017

La Stampa To – 06 maggio 2017